Xiaomi mi a1: Recensione e prezzo

Xiaomi mi a1: Recensione e prezzo

Oggi andremo a fare la recensione dello Xiaomi mi a1. È sbarcato sulla frontiera degli smartphone economici pronto a conquistare il mercato.

Xiaomi voleva prendersi il suo posto nel mercato europeo della telefonia e ci riesce insieme al suo ultimo nato in casa Xiaomi Mi A1, un modello da tutti chiacchierato ed aspettato per la presenza di Android One, prima volta sul mercato grazie ad un accordo con Google. Non tradisce le aspettative anzi questo brand ci sorprende con questo smartphone pensato per la fascia bassa ma altamente performante. Andiamo a scoprirlo insieme!

  • 8.6/10
    Giudizio complessivo - 8.6/10
8.6/10

Riassunto

Smartphone Andoid dall’incredibile rapporto qualità prezzo. Con poco più di 150 euro abbiamo un display da 5.5 pollici, processore Snapdragon 625, 4 Gb di RAM e doppia fotocamera

Xiaomi mi a1: Prezzo

Lo smartphone Xiaomi mi a1 è dotato di sistema operativo Android, display è da 5.5 pollici mentre la ram è da 4 Gb

Il miglior prezzo disponibile online per il Xiaomi mi a1 è di 181,00 € aggiornato al 2018-12-08

Xiaomi mi a1
405 Recensioni

Xiaomi mi a1: Recensione

Design, materiali e ergonomia

display Xiaomi mi a1Il design di questo dispositivo è sicuramente molto simile a tanti altri smartphone di questa fascia prezzo.

Non presenta infatti niente di particolare o di distintivo.

I materiali con cui è realizzato sono molto buoni,

Troviamo una scocca realizzata in metallo tranne per le bande di plastica che si trovano dove abbiamo le antenne del telefono.

Anteriormente troviamo invece solamente vetro con i tasti touch retroilluminati.

Il risultato è uno smartphone solido, elegante ma al tempo stesso anonimo. Sul retro troviamo poi il lettore di impronte digitali rapido e preciso come pochi nel suo settore.

Display

Come display troviamo un 5.5 pollici con una risoluzione da 1920 x 1080 pixel in Full HD con tecnologia LTS IPS.

La luminosità risulta essere molto buona e si comporta bene in qualsiasi condizione di luce, possiamo scegliere se lasciare la regolazione in automatico oppure impostarla manualmente.

Batteria, audio e ricezione

La batteria presente su questo Xiaomi Mi A1 è da 3080 mAh, non è potente ma non potevamo aspettarci diversamente parliamo sempre di un prodotto di fascia bassa.

Riesce però comunque ad arrivare a due giorni di autonomia con uso normale del telefono mentre con un uso intensivo riesce a raggiungere una giornata.

Molto buona la ricezione del telefono che risulta essere al di sopra dei suoi competitor. Anche la connessione è buona e troviamo LTE, WI-Fi a doppia banda e Bluetooth manca NFC.

L’audio è sicuramente un punto forte di questo dispositivo, il brand infatti sceglie di posizionare lo speaker in basso consentendoci così di avere un audio sempre buono e perfetto. Anzi in chiamata e in uscita da speaker, come per l’audio in cuffia, risulta essere di alto volume superando il lavoro che era stato svolto sul precedente modello.

Fotocamera

fotocamera Xiaomi mi a1Su questo modello Xiaomi troviamo una doppia fotocamera principale entrambe da 12 megapixel con un’apertura focale da f/2.2 per una e da f/2.6 per la seconda.

La seconda fotocamera è stata inserita per offrire uno zoom 2X e per supportare la fotocamera primaria nella messa a fuoco e quindi nella sfocatura dei soggetti in primo piano.

Possiamo di certo dire che questa doppia fotocamera è tra le migliori che si siano mai viste su uno smartphone. Le foto risultano perciò ottime soprattutto in condizioni di luce superando di gran lunga le aspettative.

Nessuno infatti si aspetterebbe una fotocamera simile su un prodotto di fascia bassa eppure Xiaomi ce la offre consentendoci di fare delle foto veramente belle.

Con il cambio di luce e in notturna la fotocamera soffre un pò ma le foto comunque rimangono al di sopra del risultato dei suoi competitor. Anteriormente troviamo poi una fotocamera da 5 megapixel con apertura focale da f/2.0 e realizza delle foto nella media.

Sia con la fotocamera anteriore che con le fotocamere principali possiamo realizzare video in 4K per un risultato perfettamente nella media di questa fascia di prezzo.

Hardware

L’Hardware di Xiaomi Mi A1 è uno Snapdragon 625 con una RAM da 4 GB e accompagnata da una GPU Andreno 506 e con 64 GB di memoria interna espandibile con memoria esterna e micro SD che possiamo inserire all’interno della slot ibrido che troviamo sul dispositivo.

Questo tipo di hardware è presente su molti dispositivi di questa fascia di prezzo ma nonostante questo lo smartphone, rispetto a molti altri modelli, si muove perfettamente nelle operazioni quotidiane, non rallenta e non subisce blocchi improvvisi.

Software installati

Finalmente arriviamo al punto forte di questo dispositivo il suo software! Come abbiamo già anticipato grazie ad una collaborazione con il colosso Google, Xiaomi presenta il suo primo smartphone con Android One. Sul dispositivo troviamo la versione Android 7.1.2 stock.

Si capisce subito, non appena accesso lo smartphone, che si tratta di un software davvero semplice sia nel suo utilizzo che nelle sue caratteristiche.

Non troviamo troppe personalizzazioni infatti le uniche app preinstallate che troviamo sono la fotocamera, la possibilità di gestire gli infrarossi e trasformare il telefono in telecomando ed un app per lasciare il feedback in merito al dispositivo.

Tutto il resto potremmo scaricarlo utilizzando ovviamente Play Store. Nel complesso il software lavora bene e risulta abbastanza fluido.

Ad oggi nel 2018 lo troviamo disponibile con Android Oreo.

Conclusione

Analizzando a fondo il dispositivo non possiamo che esserne soddisfatti.

Parliamo di un prodotto di fascia bassa che presenta caratteristiche importanti e al di sopra delle aspettative come la fotocamera che eguaglia quelle di fascia media.

Avremmo di certo preferito una maggiore personalizzazione nel software e nel design ma tutto sommato questo Xiaomi Mi A1 è sicuramente uno dei migliori acquisti che possiamo fare.

Stiamo acquistando un prodotto da poco più di cento euro con prestazioni elevate.

Potrebbe interessarti leggere

Lascia un commento